Venezia

le caratteristiche uniche della città sono spesso colte da Tono nei suoi lavori, il paesaggio (v) d’acqua la avvicina per certi versi ai luoghi delle mondine (v), e la presenza del porto commerciale offre all’artista spunti anche per opere appartenenti all’ambito del realismo (v) di Tono. Non esistono per Venezia, a differenza delle altre città più care a Tono – come Padova (v) e Roma (v) – dei luoghi che ritornano di frequente, a parte forse la Punta della Salute. Ma è l’acqua, il suo movimento continuo che la rende sempre diversa pur rimanendo uguale, che lo attira, e ad osservare l’acqua, ovunque, Tono passa ore, prendendo continui appunti sui suoi quaderni di viaggio (v). Altro elemento caratteristico che lo avvince, ed al quale dedicherà molti studi e molte incisioni, sono le briccole.