Rifeo troiano e Beatrice

LA DIVINA COMMEDIA DI TONO ZANCANARO
POLO CULTURALE LE CLARISSE DI GROSSETO
DAL 29 APRILE AL 19 MAGGIO 2021

PARADISO, CANTO XX, vv. 67-72

Chi crederebbe giú nel mondo errante,
che Rifeo Troiano in questo tondo
fosse la quinta delle luci sante?

Ora conosce assai di quel che 'l mondo
veder non può della divina grazia,
ben che sua vista non discerna il fondo.

 

Riufeo troiano e Beatrice



Rifeo, compagno di Enea, è descritto nell'Eneide come “il più giusto che ci fu tra i Teucri”. Questo accenno indusse Dante a riprendere il personaggio e a collocarlo nel cielo di Giove esattamente nell'occhio dell'aquila, in Paradiso, come “simbolo esemplare dei modi misteriosi e imprevedibili con cui la Grazia opera nella scelta dei suoi eletti”.

 

 left red arrow vedi opera precedente

    HomePage      vedi opera successiva right red arrow