A G L A

A G L A, china a tratto del 1949 cm 41x40 - ASTZ 1985Di Levana, secondo grande amore di Tono, abbiamo già visto molte opere, e notato come sia sempre raffigurata con un volto intenso, il capo spesso reclinato come pensoso, e soprattutto nello stesso foglio, come nel disegno a china di oggi, ripetuta più e più volte: qui cinque. Il corpo a volte è impreziosito da bracciali o collane, sul modello di quelli usati all'epoca, ed il seno erto e sodo.

Sappiamo che il nome LEVANA, nome dello specchio avendo un marito geloso, era spesso distribuito in più parti del foglio, anch'esso a volte più e più volte ripetuto; ma in questo caso non compare il nome, bensì una sigla (che ritroviamo anche in altri disegni a lei dedicati), eccola: A.G.L.A.

In questa sigla la lettera L sta per Levana e la G per Galassia, altro nome di Levana per indicare la vastità del sentimento, e la sigla prende il significato di : A GALASSIA LEVANA AMATA. Anni dopo i ragazzini innamorati scriveranno con le iniziali le loro frasi d'amore, qualcuno fra i meno giovani forse lo ricorderà ancora.

 

 

A G L A, china a tratto del 1949 cm 41x40 - ASTZ 1985