Brunalba a Punta Nord

15628Tono Zancanaro è stato soprattutto un grafico impareggiabile, dotato di una linea leggera dove, pur con un tratto sottile sulla carta bianca sapeva far vedere i colori.

Però Tono amava giocare con gli sfondi, e abbastanza spesso sostituiva il cartoncino bianco con altro colorato: dal rosso al verde, al giallo, al viola, ecc.

Una particolare predilezione aveva per lo sfondo nero, dove doveva necessariamente utilizzare inchiostro di china bianco: allora lasciava lo strumento preferito, il rapidograph, per utilizzare la boccetta di china ed il pennino, come una volta alle elementari.

Credo che non tutti sappiamo che la china bianca, a differenza della nera, non è fluida ma pastosa (da qui la necessità dell'utilizzo del pennino), e quindi di più difficile utilizzo, ma questo non ha ridotto l' abilità grafica del maestro, come si vede dal disegno di oggi: un omaggio alla solare mediterranea bellezza di Brunalba, guardata da un Tono innamorato in secondo piano.

 

Brunalba a Punta Nord, china a tratto bianca del 1962 dim. cm 30x24 - ASTZ 15628