Pensionato in Pra'

14572Dalla lezione di Ottone Rosai, che Tono ha sempre affermato essere stato il suo unico Maestro, dopo Piero della Francesca, Tono aveva preso fra le altre cose l'interesse per gli emarginati, i diseredati: pensionati, disoccupati, poveri, anche militari in libera uscita.

Alcune di queste opere sono a colori, ad olio o pastelli, ma più spesso sono in bianco e nero realizzati con carboncino, matita o china acquarellata.

Questo perché Tono affermava che sentiva maggiormente l'uso del bianco e nero, che più si avvicinava alla sua qualità di "moralista".

 

Pensionato in Pra', carboncino del 1936 cm 27x24 - ASTZ 14572