Levana

Levana, china a tratto del 1958 dim. mm 695x755 - ASTZ 757Levana, china a tratto del 1958
dim. mm 695x755 - ASTZ 757
Levana, nome di fantasia preso dalla mitologia romana, è stato il secondo grande amore di Tono nel primo dopoguerra, vista dall’artista come simbolo di rinascita. Rappresentata in centinaia di fogli con corpo statuario, seno alto e pube fiorito, ha grandi occhi neri e profondi e spesso il capo reclinato, in atteggiamento pensoso.

In questo foglio di grandi dimensioni, tutto lavorato con china a tratto, la figura della donna è ripetuta per nove volte: sei formano come una base da cui si elevano due Levane che esaltano un’ultima figura della Levana centrale, nuda in piedi su una palla come un giocoliere